Mezza notte bianca Dervio 22 luglio 2017

L’associazione ha partecipato alla mezza notte bianca di Dervio con una mostra fotografica relativa al Carnevale di Sueglio

19756787_1805551426128379_8063389015782262392_n (2)

 

 

20170722_204542 (2)20170722_204835 (4)

Qualche notizia trovata in rete relativa al Carnevale:

http://www.intangiblesearch.eu/show_ich_detail.php?db_name=intangible_search&lingua=italiano&idk=ICH-GIU02-0000000229

CARNEVALE DI SUEGLIO

Il Carnevale di Sueglio viene festeggiato, secondo il calendario liturgico ambrosiano, il sabato successivo al mercoledì delle Ceneri. Si tratta di una delle feste più sentite dagli abitanti della Valvarrone e coinvolge quasi tutti i paesi della valle. Le maschere del carnevale infatti, accompagnate dalla banda, dopo aver sfilato e ballato per le vie di Sueglio la mattina del sabato, raggiungono i paesi circostanti su camioncini o automobili. In ogni paese sfila il corteo festante, le maschere ballano accompagnate dalla banda, visitano case e osterie dove cantano e bevono con gli abitanti del posto. Caratteristica del carnevale di Sueglio sono le sue elaborate maschere tradizionali. I “Crapun”, grandi teste di cartapesta dall’aspetto umano spesso deformato, mostruoso, caricaturizzato. Realizzate con uno scheletro di plastica o alluminio e ricoperte di cartapesta si caratterizzano in particolare per le loro grandi dimensioni. Molto grandi sono anche maschere animalesche, tra le quali una gallina, un lupo, un uomo selvatico, ricoperte di piume e di elementi vegetali. A queste si aggiungono tre maschere “doppie”, composte da una persona che le indossa e da un pupazzo, costruite in modo da creare l’illusione che sia il pupazzo a trasportare l’uomo e non viceversa. Queste rappresentano una vecchia che porta un uomo in una gerla, un vecchio che porta sulle spalle un altro vecchio.
La banda che segue il corteo è composta da due fisarmoniche, un clarinetto, un sassofono e un tamburo. I canti e le melodie eseguite appartengono per la maggior parte al repertorio musicale alpino di tradizione popolare.
Il corteo torna a Sueglio solo a metà pomeriggio, dove trova ad accoglierlo gli abitanti radunati in piazza per continuare la festa con qualche bicchiere di vino e la degustazione della “scarpasce”, frittella salata tipica del posto.
La festa si conclude con una cena comunitaria che prosegue con musica e canti fino a serata inoltrata.
Da qualche anno i giovani del paese hanno ripreso l’usanza di mascherarsi anche il giovedì sera precedente, con maschere più improvvisate e semplici rispetto a quelle del carnevale, e di effettuare la tradizionale questua porta per porta. Essa prevede che si instauri un gioco rituale tra il padrone di casa e i questuanti che consiste nel tentativo di riconoscere chi si cela dietro la maschera, interrogativo svelato solo quando verrà offerto alle maschere del vino o, in qualche caso, del cibo.

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

In passato il corteo delle maschere di Sueglio raggiungeva gli altri paesi della valle a piedi e giungeva fino al paese di Premana.
Le maschere venivano confezionate in casa da ciascun abitante con materiale di scarto e vecchi stracci.

COMUNITÀ

Alla festa del carnevale partecipano gli abitanti di Sueglio e qualche emigrato che ritorna al paese proprio per questa occasione. Il rituale, grazie al corteo itinerante, coinvolge anche le comunità dei paesi di Introzzo, Tremenico, Avano e Vestreno.
Le maschere vengono indossate principalmente da ragazzi giovani, dai 16 ai 30 anni, con una forte presenza femminile.
Le maschere che sfilano oggi nel carnevale sono state realizzate tutte, ispirate alla tradizione, dal signor Arrigo, un ex muratore in pensione che vi si è dedicato per passione per circa vent’anni, costruendo una maschera all’anno.

MISURE DI SALVAGUARDIA

Il Carnevale di Sueglio fa parte del R.E.I.L. (Registro delle Eredità Immateriali Lombarde), progetto di valorizzazione, salvaguardia e promozione dei beni immateriali, saperi tradizionali e pratiche rituali della Regione Lombardia.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.